"Credo che l'amore per la caccia sia innato e che scateni un'attrazione misteriosa solo in poche persone, attrazione che non è facile a definirsi con le parole; so solo che sboccia come un fiore nella corte del canile o sui fianchi delle montagne. Quando è stato piantato nessuno lo sa, ma una volta fissato nel cuore di un uomo nulla lo può sradicare."

William Arkwright

 ImmagineHa avuto regolare svolgimento la giornata di tiro organizzata dalla nostra Società, voluta dal Comitato per permettere a tutti i soci (e anche non soci) di regolare la propria arma a pochi giorni dall’inizio della caccia alta. Sabato scorso 24 agosto, presso lo stand Vernora di Castel San Pietro, grazie anche al tempo che è stato clemente e si è mantenuto asciutto fin dopo le ore 17.00, oltre una trentina di cacciatori hanno potuto convenientemente regolare la propria carabina ed allenarsi con tiri su bersagli sagoma camoscio posti alla distanza di 190 m. Un esercizio importante per tutti, dalla corretta manipolazione e funzionamento dell’arma alla precisione nel tiro, il tutto a vantaggio della sicurezza propria e altrui durante la caccia e nel rispetto di quell’etica venatoria, che vuole l’abbattimento istantaneo del selvatico evitandogli così inutili sofferenze. Il pranzo consumato in compagnia (ottimo il cinghiale e le luganighette) è poi stato anche momento di scambio di opinioni sulla caccia in generale e sul nuovo Regolamento d’applicazione in particolare. Un ringraziamento va al Comitato e a coloro che si sono adoperati per la buona riuscita della giornata, in particolare ad Erica e Anna, a Claudio Petraglio (responsabile stand) e ai nostri Giordano Fontana e Stefano Regazzoni per il grande impegno profuso.

caccia al camoscio, massimo 3 capi sul contingente di 4 capi di camoscio e capriolo

Purtroppo, nella verifica del regolamento sottoposto dall'UCP alla FCTI prima dell'approvazione da parte del Consiglio di Stato è stato omesso di specificare  "al massimo tre camosci" nelle disposizioni che regolano il prelievo di questa specie. Ciò potrebbe portare all'interpretazione secondo la quale un cacciatore può prendere un camoscio maschio, due femmine non allattanti e un anzello con corna non superiori ai 15 cm, per un totale di quattro capi. Questo non era evidentemente lo scopo perseguito dalla proposta FCTI e la norma, d'intesa con il Dipartimento del Territorio, è da interpretare correttamente come un massimo di 3 camosci sul contingente di quattro capi di camoscio e capriolo. La FCTI confida in un comportamento eticamente responsabile da parte dei cacciatori.

Nei prossimi giorni a tutti i soci verrà recapitato il materiale per versare la tassa sociale (se possibile entro il 31 ottobre 2013) e pagare il premio assicurativo per la prossima stagione venatoria. Per una corretta ripresa automatizzata dei vostri dati completate la polizza di versamento con il vostro NOME/COGNOME e INDIRIZZO COMPLETO in caratteri stampatello maiuscolo. Vi ricordiamo che per poter staccare la patente di caccia è necessario il versamento minimo di fr. 60.- (clicca qui per vedere la comunicazione)

E’ stata caricata la locandina per la giornata di tiro in programma il prossimo sabato 24 agosto 2013 presso lo Stand di Tiro di Vernora a Castel San Pietro. Un occasione per regolare la vostra carabina qualche giorno prima dell’inizio della caccia alta!
Se vuoi vedere la locandina vai alla sezione “EVENTI” o clicca qui.

Pubblicata la foto di gruppo del Comitato nella relativa pagina.

Inoltre sono state pubblicate le fotografie della giornata di tiro a volo del 29 giugno 2013.

È stato presentato di recente dalla OIKOS 2000 consulenza e ingegneria ambientale Sagl, a conclusione dello studio di fattibilità, il progetto di valorizzazione habitat di diverse zone presso il Poncione d'Arzo, fortemente voluto dalla nostra Società. Presenti i membri del Comitato nonchè i signori Studer per i viticoltori, Jelmini per gli agricoltori e Guidali per i forestali. Il biologo Giuliano Greco ha avuto modo d'illustrare brevemente il progetto che coinvolge cinque aree sulle pendici del Poncione d'Arzo (Meride-Scargnora, Meride-Bagno, Meride-Bolle/Spinirolo, Meride-Pre Sciuch e Arzo-Poncione/Pre Sacco), zone di particolare pregio per la fauna (lepre e beccaccia) e anche per la flora (presenza della più importante popolazione di Gladiolo Piemontese "Galdious imbricatus" su tutto il territorio della Svizzera). Ora il Comitato dovrà esaminare lo studio ricevuto e formulare eventuali osservazioni. Vi terremo aggiornati con comunicazioni puntuali sul sito.

Sostieni la tua Società di caccia e acquista i nostri gadgets:

  • L'autocollante con il logo ufficiale della nostra associazione al prezzo di fr. 3.-
  • La maglietta (t-shirt) verde oliva con il logo ricamato al prezzo di fr. 20.- 

maglietta home

Per saperne di più vai alla sezione mercatino