"Credo che l'amore per la caccia sia innato e che scateni un'attrazione misteriosa solo in poche persone, attrazione che non è facile a definirsi con le parole; so solo che sboccia come un fiore nella corte del canile o sui fianchi delle montagne. Quando è stato piantato nessuno lo sa, ma una volta fissato nel cuore di un uomo nulla lo può sradicare."

William Arkwright

Per il secondo anno consecutivo la nostra Società ha sfruttato la possibilità di ripopolare la bandita del Monte Generoso con il lancio di 10 lepri comuni. Ingabbiate il mattino presto di domenica 10 maggio presso un noto allevamento della media Leventina , dopo un viaggetto di un’ora circa, le “grigie” hanno immediatamente riguadagnato la libertà in zona Cascina d’Armirone (4) e Dosso dell’Ora-Pianezzo (6). Dieci esemplari in ottima salute e forma che, ci auguriamo, abbiano a trovare sulle pendici del Monte Generoso le condizioni ecologiche idonee per potere in un prossimo futuro, unitamente alle loro consimili già insediate, consolidare il numero di esemplari presenti di questa magnifica specie. Abbiamo “immortalato” per tutti i nostri soci i momenti più significativi dell’evento con un filmato, che potete visionare sotto la rubrica “video”. Tra qualche giorno provvederemo a pubblicare anche alcune fotografie.

Abbiamo pubblicato nella gallery le fotografie delle due giornate dedicate dalla nostra Società al recupero degli habitat per la selvaggina. Il primo intervento di domenica 12 aprile ha interessato la zona di Scargnora a Meride (San Giorgio - Poncione d'Arzo), mentre il secondo intervento ci ha visti operare sull'Alpe di Salorino in prossimità della frazione di Cragno (Monte Generoso). Importante l'adesione dei nostri associati e degli aspiranti cacciatori, una quarantina per ogni uscita. Da ricordare infine, ma non da ultimo, che durante la prima uscita siamo stati affiancati dal Gruppo Genitori della Montagna (GGM) con la partecipazione di 4/5 adulti e 12 ragazzi: l'occasione per ricordare ai nostri giovani l'importanza di rispettare, salvaguardare e curare l'ambiente.

Sabato 28 febbraio 2015 erano 46 i soci presenti all’Assemblea annuale della nostra associazione. In verità non tantissimi se solo si pensa che la SCM ne conta almeno 150. In ogni modo i lavori assembleari si sono svolti in un’atmosfera amichevole e cordiale e sono risultati estremamente proficui. All’ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche statutarie che ha reso necessaria la nomina del presidente del giorno nella persona di Tiziano Pasta. L’assemblea all’unanimità e con un applauso ha voluto confermare la propria fiducia ai membri di comitato uscenti che sono pertanto stati rinominati per il prossimo periodo di 3 anni. Sono poi stati chiamati a comporre l’organo di revisione i signori Matteo Centonze e Giovanni Cattaneo, supplente la signora Elena Pagnamenta. Nel suo intervento il Presidente Diego Allio ha sottolineato l’impegno della società in ambito di recupero degli habitat, ha ricordato l’esito positivo riscontrato nelle giornate di tiro con una buona partecipazione di soci ed ha brevemente accennato sui risultati ottenuti nella passata stagione venatoria. Trattato pure il tema d’attualità riguardante l’apertura della caccia al cervo nel comprensorio della Montagna proposto dal Consiglio di Stato e attualmente all’esame della Commissione legislativa del Gran Consiglio. Una decisione in merito la si attende ancora entro la fine della legislatura. C’è poi stato l’intervento del segretario-cassiere e dei revisori, che hanno attestato il buon andamento finanziario dell’associazione, che anche nel 2014 ha registrato un ulteriore utile d’esercizio. Annunciato ed accolto dall’assemblea all’unanimità l’aumento di fr. 10.-- della tassa sociale a seguito dell’incremento della tassa federativa. Gli indirizzi venatori per la prossima stagione proposti dalla FCTI e presentati mediante delle slide sono stati condivisi ed accettati. Ciò nonostante l’assemblea ha comunque voluto formulare all’indirizzo del Comitato distrettuale e poi dei gruppi di lavoro della FCTI alcune proposte riguardanti il capriolo, la gestione della guardiacampicoltura ed il sistema di risarcimento dei danni causati dagli ungulati. L’ultimo a prendere la parola il parroco (Don Mirko), quasi sempre presente ai nostri appuntamenti. Ha poi fatto seguito la parte ricreativa con la cena.

I soci della nostra associazione sono convocati in seduta ordinaria il giorno Sabato 28 Febbraio 2015 alle ore 18.00 presso l'Hotel Coronado di Mendrisio (sala conferenza Monte Generoso - Bellavista). Ogni associato riceverà personalmente la convocazione che può essere visionata cliccando su questo link.

 

  

È perfettamente riuscita l'assemblea dei presidenti distrettuali e sezionali tenutasi a Castel San Pietro il lunedì 2 Febbraio 2015 organizzata dalla nostra associazione. Buona la partecipazione, interessanti i contenuti (per i quali vi rinviamo al sito della FCTI) e ottimo l'aperitivo.

Un sentito ringraziamento a tutti!

Il Comitato

Organizzata dalla nostra associazione lunedì 2 febbraio p.v., dalle ore 20.00, avrà luogo presso il Centro scolastico di Castel San Pietro l’annuale incontro dei Presidenti distrettuali e delle società di caccia ticinesi. Presenti chiaramente i vertici della FCTI. Il Comitato porge a tutti i partecipanti un cordiale benvenuto nel Mendrisiotto.

È stata aggiornata la sezione eventi con le attività e gli appuntamenti 2015. Nella gallery è stata aggiunta una cartella con le fotografie di selvaggina ritrovata morta